Cristiani per Israele

Cristiani per Israele

L'importanza di definirci “cristiani per Israele” nasce dall'intenso amore che abbiamo per Israele, il popolo speciale di Dio per sempre (1Cr.17:22). E’ un amore cresciuto nel corso degli anni, insieme ad una maggiore comprensione del piano di Dio e della pedagogia da Lui seguita nei riguardi del Suo popolo.

Non tutti i cristiani sono cristiani per Israele: molte chiese, infatti, sposano la perversa teologia della sostituzione, la quale insegna che la Chiesa ha sostituito Israele in modo totale e permanente nel piano di Dio. Per questa ragione, si oppongono al ritorno dell’antico popolo di Dio nella sua terra, o quando non sono apertamente contrari, sono totalmente indifferenti. Tale teologia è stata una delle cause, se non la causa principale, dell’antisemitismo, della cultura del disprezzo, delle persecuzioni, dei pogrom (massacri) nel corso dei secoli e della Shoah, provocando la morte di circa 20 milioni di Ebrei in 2000 anni. Una Chiesa ignorante del piano e dei propositi di Dio, dopo aver derubato Israele delle sue promesse, è divenuta presuntuosa e di conseguenza superba e persecutrice. Proprio la superbia, l’ignoranza e la presunzione sono i tre peccati dai quali l’apostolo Paolo mise in guardia i cristiani gentili (cioè appartenenti alle nazioni) nel loro rapporto con i Giudei (Ro.11:20-25).

Tornare alle nostre radici ebraiche

Consapevole di questo triste retaggio, la nostra chiesa insieme ad altre comunità cristiane italiane, sta lavorando per ridonare a tutta la Chiesa italiana la giusta prospettiva biblica riguardo a Israele affinché si torni ad essere cristiani per Israele. A questo scopo essa è parte dell’associazione EDIPI (Evangelici d’Italia per Israele), fondata nel 2002 dai pastori Ivan Basana, Corrado Maggia e da altri pastori e credenti, la quale si propone come interlocutore privilegiato nei confronti del mondo ebraico per coinvolgere le chiese evangeliche italiane nel progetto profetico di Dio, evidenziando in Israele la radice del Cristianesimo e nella Chiesa dei Gentili il ramo di ulivo selvatico innestato nell’ulivo naturale, Israele. Il servizio che offriamo alla Chiesa è quello di promuovere la corretta comprensione del Cristianesimo da una prospettiva ebraica, persa nel corso dei secoli per le infiltrazioni di culture estranee e in antitesi al contesto biblico. Link EDIPI: www.edipi.net

cristiani per israele

Ecco i nostri scopi:

- Offrire ai cristiani una corretta informazione circa:

- il ruolo di Israele nel progetto di Dio.

- le radici ebraiche della nostra fede.

- Rendere consapevole la Chiesa del rapporto che esiste tra la teologia della sostituzione e il pregiudizio antisemita e promuovere il ravvedimento e la richiesta di perdono.

- Sostenere l’Aliyah (il ritorno alla terra d’Israele degli Ebrei), convinti che Dio ha assegnato per sempre ai figli di Giacobbe la terra promessa, in vista della completa restaurazione di Israele.

- Offrire accoglienza, incoraggiamento e aiuto materiale e spirituale a Ebrei, messianici e non.

- Far riscoprire alla Chiesa l’ebraicità di Gesù e rendere accessibile al popolo d’Israele il messaggio di Yeshua il Messia.

Per approfondire questi temi visita la nostra libreria.

web marketing consultant Filippo Miotto